Catalogo OroArgento

 
E’ la collana nella quale pubblichiamo libri di alto profilo, per esempio scritti con linguaggio forbito da chi ha estrema padronanza della lingua italiana oppure che trattino temi poco commerciali, ma non per questo meno interessanti. Possono essere romanzi storici, saggi, raccolte di poesia e altro ancora.
 
 
 
L'INVIATO DELLA RETE 3
di Alessandro Ticozzi
 
ISBN 9788867934768
Pag. 250 - € 17,00
 
Ingrandisci immagine
 
ORDINA
 
Alessandro Ticozzi, attraverso le sue interviste che raccolgono testimonianze dirette e ricordi, aneddoti e approfondimenti, ci offre un affascinante viaggio nella storia del teatro, del cinema, della televisione e della musica, dopo il successo del primo e del secondo volume.
È diventata una moda e, come tutte le mode, sta dilagando. Parlo della memoria. Non c’è trasmissione radiofonica o televisiva nella quale non siano trasmessi frammenti di programmi del passato. Il contagio è arrivato anche al cinema e nei teatri. Prima dell’altro contagio ben più grave (il Covid-19), i frammenti si affacciavano potenti anche nei film e negli spettacoli teatrali. Frammenti, appunto. E come tali, lontanissimi dalla realtà di ieri, omaggio-reliquia cui il giorno d’oggi si inchina a quello ieri.
Tutto questo serve a poco se non a nulla. Rischia di diventare esibizione minimale di un mondo mitizzato come una età dell’oro perduta definitivamente. I frammenti di memoria, frammentano la memoria.
Per ricordare, ricostruire e raccontare serve dell’altro. Serve la conoscenza del periodo storico, occorrono le testimonianze dei protagonisti o di chi ne conserva parti di memoria, è necessario inquadrare e contestualizzare il frammento. Diversamente quel frammento diventa reliquia e la reliquia – da sempre – si venera senza comprenderne il significato.
Il lavoro di Ticozzi è utile. Raccoglie testimonianze, ferma i ricordi, crea il contesto nel quale hanno vissuto i protagonisti intervistati.
Dalla prefazione di Umberto Broccoli