Catalogo AcquaFragile

 
In questa collana pubblichiamo opere di narrativa contemporanea, prediligendo taglio e temi giovanili under 30, linguaggio immediato ed effervescente, magari con una spruzzata di umorismo o surrealismo.
 
 
 
SICA
di Enrico Tirotto
 
ISBN 9788867931194
Pag. 200 - € 16,00
 
Ingrandisci immagine
 
ORDINA
 
La diagnosi di un cancro in fase avanzata colpisce Zacary come un fulmine a ciel sereno. Il verdetto è devastante: tre mesi di vita. La notizia fa divampare sentimenti nuovi nell’animo del piccolo criminale, che trova il coraggio di divincolarsi dalla morsa di Ray, un gangster che gestisce i suoi loschi affari a New York, e del suo sicario Al. Durante questo difficile cammino, Zacary verrà assistito dalle affettuose cure di Rosmary, un’infermiera precaria con un marito alcolista e un figlio a carico.

Sica è un libro che, lungi dal ritrarre la realtà patinata e glamour della Grande Mela, racconta piuttosto le difficoltà a cui devono andare incontro i reietti, coloro che in una città come New York non riescono facilmente a trovare la loro dimensione esistenziale. Tra delinquenza, stili di vita immorali e tentativi delle forze dell'ordine di arginare fenomeni criminali, il romanzo riesce a far emergere l'umanità che contraddistingue anche le persone in posizioni di debolezza. Il cinico realismo con cui vengono descritte le vite dei protagonisti è duro e crudo, ma proprio per questo importante fonte di insegnamento.

Il suo corpo aveva necessità di riscaldarsi e idratarsi, ma il tempo era tiranno e ogni minuto era troppo prezioso. Si sdraiò sul sedile posteriore del taxi.
“Per cortesia… Alzi la temperatura, sento freddo”.
“Si sente male? L’accompagno dal medico?”, chiese l’autista voltandosi indietro.
“No, vada all’indirizzo che le ho detto”, concluse Zacary ritemprandosi un po’.
L’auto si tuffò nel traffico cittadino ridonando una sufficiente mobilità alle membra del sicario e una discreta prensilità alle sue mani.
Il display sul cruscotto dell’auto indicava le nove passate, quando il taxi si accostò al ciglio della strada.