Catalogo AcquaFragile

 
In questa collana pubblichiamo opere di narrativa contemporanea, prediligendo taglio e temi giovanili under 30, linguaggio immediato ed effervescente, magari con una spruzzata di umorismo o surrealismo.
 
 
 
ON OFF
di Valentina Mannino
 
ISBN 9788867931514
Pag. 190 - € 18,00
 
Ingrandisci immagine
 
ORDINA
 
Romanzo di formazione, viaggio in una precarietà economica e affettiva molto attuale, corsa travolgente nelle emozioni e sensazioni di una ragazza come tante ma diversa da tante: tutto questo, e probabilmente qualcosa di più è On Off, uno spartito sulla vita ordinaria di Valentina, giovane che trova dentro di sé la forza per affrontare l’esistenza con la purezza e la trasparenza di chi ha sempre dato ascolto al cuore, prima ancora che alla mente.
La personalità di una ragazza come Valentina appare talmente caleidoscopica che alcuni dei suoi aspetti, alcune delle sue innumerevoli sfaccettature, emergono a intermittenza in base alle vicissitudini della quotidianità. La lotta di sua madre contro il cancro che la divora, gli amori, le difficoltà occupazionali, ognuno di questi ostacoli tirerà fuori da lei diversi stati d’animo che le faranno scoprire molto di se stessa…
La vita è un fatto passionale, sembra volerci dire la protagonista, e per quanto ci si sforzi di essere il più possibile razionali, ciò che davvero governa le azioni di ogni uomo sono le emozioni.
Con uno stile incisivo, espressioni irriverenti che sdrammatizzano anche i momenti più duri, questo libro riesce a trasmettere la vera essenza di cui è fatto l’animo umano.

Mi guardasti consapevole e al tempo stesso mi sorridesti, cercando di rassicurarmi.
Probabilmente invece io, di tutta risposta, ti stavo trasmettendo angoscia, terrore, immaturità.
È che tu sei sempre stata brava a tenerti tutto dentro, a metterti quella maschera zen mentre dentro eri dilaniata, ad apparecchiare la tavola del Mulino Bianco, quando in realtà in dispensa c’era la mensa della Caritas.
Io invece lo sai come sono, sempre estrema, plateale, esagerata in ogni manifestazione di qualsiasi impercettibile sensazione ed emozione che sto provando, senza filtri, senza censure, senza giudizio.
Mi chiedo se non sia stato questo tuo modo eccessivamente altruistico di preservare i tuoi figli e in generale tutte le persone che ti circondavano, di non coinvolgerli nel tuo dolore e nel tuo malessere, a farti ammalare.